Il 25 aprile le Amministrazioni comunali di Maggiora e Cureggio, prima della cerimonia congiunta con il Comune di Borgomanero,  si sono ritrovate per una breve ma intensa commemorazione al cippo di Bergallo, preceduta dalla deposizione di omaggio floreale al monumento alla Resistenza sito nel Palazzo comunale di Maggiora.

Presenti Alpini di Maggiora e Lodi, l’ANPI di Maggiora, vari Consiglieri del Comune di Cureggio e un folto pubblico; non ha voluto mancare il Partigiano maggiorese Fiore Inselmini, che fu tra i primi ad accorrere nel luogo dell’eccidio.

Sono stati piantati 4 nuovi arbusti, in sostituzione della vecchia siepe ammalata: ognuno riportava il nome di un Comune: Maggiora (piantato dal Sindaco di Maggiora), Cureggio (dal Sindaco di Cureggio), Lodi (da Alpini del Gruppo di Lodi), Cammarata (dal sig. Nicolini di Cureggio e dal sig. Travaini come ANPI), a ricordo dei Partigiani di Maggiora, Lodi e Cammarata qui fucilati per rappresaglia nel novembre 1944.

Al termine il Sindaco Barbaglia ha sottolineato il significato della commemorazione; l’Inno Nazionale ha concluso la cerimonia.

E’ seguito il corteo a Borgomanero, con il Comune di Borgomanero, da piazza Martiri al Parco della Resistenza, ove è stata celebrata la S. Messa e si sono tenute le orazioni ufficiali.

Gli Alpini di Borgomanero, Maggiora e Lodi si sono poi ritrovate per un omaggio floreale al monumento che ricorda i Caduti nei lager nazisti, all’inizio dell’omonima via.

Per Maggiora le celebrazioni si sono concluse la mattina successiva del 26 aprile, con brevi cerimonie al cippo di Pozzasca e al monumento ai Partigiani di Prerro di Pogno.